Consigli esclusivi e informazioni per gli esperti tennisti

IT chevron bas

RACCHETTE 28.07.2017

La nuova Pure Drive:
potenza e sensazioni allo stato puro

Babolat reinventa la sua racchetta iconica che con un nuovo look ed un nuovo design propone anche una nuova tecnologia per offrire maggiori sensazioni insieme alla sua leggendaria potenza. I fans la aspettano ansiosamente.

Ci sono prodotti che hanno segnato diverse generazioni e che fanno parte della storia perché hanno rivoluzionato il modo di giocare: la Pure Drive è uno di questi. La «blu», come viene chiamata familiarmente, è il telaio più venduto al mondo e tutti i giocatori che la utilizzano formano una tribù con un’identità chiara nel mondo del tennis.

La «blu», un telaio leggendario

Generalmente i giocatori che cercano la potenza sono quelli che vogliono sferrare il colpo che fa male. Si capisce facilmente quindi che modificare e migliorare la Pure Drive è una vera e propria sfida, spiega François-Xavier Quesse, Global Product Manager: «Quando si vuole proporre un modello nuovo di un prodotto così collaudato, la sfida consiste nel conservarne le specificità ed il DNA portando delle migliorie sia tecniche che estetiche. Questa è stata la nostra stella polare durante lo sviluppo della nuova Pure Drive. Ci siamo basati sulla sua storia per proiettarci nel futuro e farla evolvere rispondendo alle nuove esigenze dei giocatori».

Il DNA della Pure Drive non si tocca!

Il lavoro si è ovviamente avvalso dei riscontri dei nostri giocatori professionisti, coach, ambasciatori e accademie partner (Mouratoglou, Rafael Nadal Academy, club e giocatori partner). Per quanto riguarda il modello attuale, «la Pure Drive è il perno di una grandissima community che dialoga sui forum e su internet e ogni modifica o nuova versione dà vita a numerosissime reazioni. Abbiamo tenuto conto ovviamente di tutte le osservazioni per proporre una nuova Pure Drive che rispondesse alle aspettative dei suoi fans», commenta François-Xavier Quesse.

Pure Drive, un’icona senza tempo

A tutto questo Babolat ha aggiunto una riflessione per migliorare ulteriormente le sensazioni di gioco. Ben nota per la sua potenza, la Pure Drive doveva anche offrire il massimo comfort ed un feeling sul colpo mai ottenuto fino ad ora. Dato che la sensazione di gioco è un aspetto legato a diversi fattori, ed in particolare alle vibrazioni, l’azienda francese ha stretto un’importante collaborazione con SMAC, un nome di riferimento nel mercato dell’aeronautica e degli sport automobilistici. SMAC è specializzata nella gestione delle vibrazioni in settori in cui questo problema riveste un’importanza capitale per garantire sicurezza e performance. Dopo una lunga serie di test sono state tirate le conclusioni. Le sensazioni di gioco sono legate a due fattori: la durata e l’ampiezza delle vibrazioni ad ogni colpo. Test più approfonditi hanno consentito di quantificare il volume di vibrazioni e la durata per restituire al giocatore il massimo delle sensazioni.

Una sensazione del colpo unica

In base allo studio sono state validate le scelte tecniche. «In alcuni punti molto specifici del telaio è stata integrata una fibra speciale sviluppata da SMAC, in sostituzione di alcuni strati di grafite. Per questo la Pure Drive offre una sensazione del colpo unica», spiega François-Xavier Quesse.

Ma il lancio di un prodotto così iconico non può fare a meno di qualche sorpresa. Per la gamma Pure Drive Babolat ha deciso infatti di fare il colpo grosso introducendo un modello che non esisteva e che dovrebbe far parlare di sé, soprattutto tra i giocatori che cercano la performance. Il modello dovrebbe uscire nel 2018.
Infine sono stati completamente ripensati gli anelli di rinforzo e la costruzione del bumper per poterli montare più facilmente, un aspetto che sarà particolarmente apprezzato dagli incordatori e dai negozi specializzati.
Se la tecnologia riposa su studi e test di laboratorio, ci sono però elementi più visibili che possono influire sulle sensazioni, come ad esempio il «look» del telaio preferito. Anche qui Babolat ha compiuto delle scelte radicali.

«Ritorno al blu»

La nuova versione segna il ritorno del blu, ancora più elettrico e più acceso, un blu racing: «Il blu rappresenta la velocità e la potenza, ma lo abbiamo scelto anche perché sappiamo che può variare leggermente secondo l’illuminazione. È vero che c’è una rottura rispetto al modello precedente, ma abbiamo voluto riportare alla ribalta la Pure Drive delle origini, modernizzandola. Il blu è iscritto nel DNA di Babolat ed in ogni realizzazione di design l’azienda vuole rompere con il passato differenziandosi sempre rispetto alla concorrenza. La sfida era insomma proporre un design coerente con i vantaggi offerti dalla racchetta». Più moderna, più vivace, più veloce, più «confortevole» e con sensazioni uniche, la Pure Drive è pronta per entrare sul mercato dopo le vacanze: «Siamo fiduciosi perché il lavoro svolto con SMAC rappresenta un reale progresso nel controllo delle vibrazioni di cui i fans si accorgeranno subito, insieme al ritorno del Blu che è un vero e proprio simbolo». Un simbolo che dovrebbe effettivamente soddisfare gli aficionados oltre a renderli ben riconoscibili sui campi di tutto il mondo grazie all’autentico cambiamento che questo modello introduce sul mercato attuale.

I giocatori Pure Drive hanno ottenuto 10 titoli del Grande Slam, il piu’ recente grazie a Garbine Muguruza nel Luglio 2017 ai Championships, Wimbledon.

share_it
Più articoli