image/upload/Website_content/Heroes/kai-niederhuber/kai-square.jpg

"Per me è stato fantastico fin da subito" - Kai Niederhuber

Se il signor Niederhuber non avesse subito un doloroso infortunio giocando a tennis e se suo figlio Kai, di otto anni, non avesse posato lo sguardo su un’allettante racchetta arancione nel negozio di articoli sportivi locale, l’Austria non avrebbe mai acquisito uno dei giocatori di badminton più promettenti che abbia mai avuto.

I problemi al braccio di Klaus Niederhuber lo hanno convinto a optare per il Badminton che era più leggero e meno impegnativo, un compromesso che ha portato all’incontro di Kai con la vistosa racchetta che gli ha cambiato la vita. Ha anche rivelato una forza di volontà minacciosa. 

“Ricordo ancora la prima volta che ho visto Kai”, dice Jürgen Koch, un ex numero uno austriaco che era il proprietario del negozio e che ora è uno dei consiglieri dell’adolescente. “E quanto stava spingendo suo padre a comprare la racchetta!”

Anche Kai se lo ricorda. “Volevo davvero una racchetta tutta per me. E dissi a mio padre volevo proprio quella”, racconta, sempre con un pizzico di fermezza. E così la racchetta dai colori vivaci, una Babolat Satelite Brio, divenne sua. Si è rivelata una buona scelta, perché il ragazzo ha continuato ad usarla fino a fare un grande passo avanti quando aveva 13 anni. 

“È stato quando ha ottenuto il suo primo contratto”, ha detto Koch. “Ora è l’astro nascente di Babolat”. E in settembre compirà solo 17 anni.

Il badminton è stato amore a prima vista per Kai Niederhuber. “Per me è stato fantastico fin da subito”, dice. “È stata l’abilità che mi è piaciuta molto”. In lui ce n’era abbastanza per partecipare ai tornei nel giro di sei mesi. 

All’inizio si è trattato di tornei locali in Alta Austria. In poco tempo ha iniziato a viaggiare. La scorsa stagione ha vinto importanti partite nella Bundesliga austriaca, e nel 2020 ha conquistato tutti e tre i titoli under 17 ai campionati nazionali austriaci. 

“Kai ha il potenziale per raggiungere i migliori del mondo”, ritiene Koch. “Non è mai una cosa garantita, ma grazie alle sue capacità tecniche e al suo atteggiamento, ha una possibilità”.

Oltre alla sua perspicacia, Kai ha mostrato una mente aperta e la capacità di visualizzare come aprire nuovi orizzonti: qualità forse appropriate in qualcuno originario di Ansfelden, il luogo di nascita di Anton Brucknerun compositore che ha definito nuove idee nella musica classica.

È stato il padre di Kai, che giocava a tennis, a mostrargli come colpire un volano, e in seguito ci sono stati diversi allenatori, in particolare Peter Zauner, un ex campione nazionale austriaco, “mi ha ispirato a continuare a lavorare” dice Kai. 

Il suo programma può essere molto impegnativo. Kai frequenta una Handelschule, una scuola commerciale speciale che insegna il lato commerciale di vari sport, e sia prima che dopo le lezioni si allena in un vicino centro olimpico. Questo significa che ogni mattina prima di andare a scuola si dedica al badminton, come fa anche dopo le lezioni. A volte sono quattro o cinque ore di badminton al giorno. 

Non c’è da stupirsi, quindi, che la tensione possa avere un prezzo da pagare. “Un anno fa ho avuto problemi con il mio gioco mentale e ho abbandonato il campo durante una partita”, ammette Kai. “Ho perso la concentrazione e non ho potuto continuare a giocare. Ma ora ho migliorato le mie capacità mentali. Se sono arrabbiato dico solo “continua, non importa, continua””.

Perché, come specialista del gioco in singolo, a volte partecipa anche a eventi in doppio, cosa che lo obbliga a seguire tre discipline in alcuni tornei? È un altro strumento di apprendimento, dice Koch. “Il gioco in doppio può aiutare il gioco in rete, la tecnica dell’overhead e la velocità. Ci sono più momenti decisivi nel doppio che nel singolo. Il servizio e il rinvio sono davvero importanti. Può essere importante anche per la tattica e la mentalità”.

L’anno scorso l’altezza di Kai ha raggiunto i 180 centimetri ed aveva solo 16 anni. Ciò gli ha reso più difficile muoversi agilmente, ma ha creato un vantaggio per lei che gioca in attacco con jump smash emozionanti e ben sviluppati.  

Ora quando Kai Niederhuber salta e agita la sua racchetta, non è più la Babolat Satelite Brio arancione che usava da bambino a catturare l’attenzione. Sono i riflessi argento e blu delle sue racchette Satelite Essential con telaio nero. 

L’argento può simboleggiare l’alta tecnologia, la ricchezza o qualcosa di prezioso. Il blu a volte viene chiamato il colore sublime. E Kai Niederhuber ha dimostrato di saper brandire le armi della sublime realizzazione.