null

Chiudi

“Lavoro sempre con un obiettivo – e l’obiettivo è quello di migliorare come giocatore e come persona.”

- Rafael Nadal​

I valori del Vamos

Non mollare mai
Per rispetto del gioco, dei tuoi avversari e di te stesso: dai sempre il 100%.

Lavora sodo e accetta ogni sfida
Ogni giorno è un’opportunità per migliorare ed essere migliori di ieri.

Credi in te stesso
Non conta la dimensione del toro nella lotta, ma la dimensione della lotta nel toro.

Brava persona > Bravo giocatore
Chi sei come persona è più importante di chi sei come tennista.

Interview

Guarda ora

Interview

1995: La storia inizia...

A un giovane e promettente giocatore spagnolo serviva una racchetta nuova. Lo zio Toni pensava che la Babolat Soft Drive, la racchetta usata da Carlos Moya, fosse l’arma perfetta per suo nipote, Rafael Nadal.

2002: Chi è questo ragazzo di Maiorca?!

Rafa ha annunciato il suo arrivo nel tour vincendo il suo primo match ATP a soli 15 anni. Il mondo del tennis gli ha prestato attenzione. ​

2004: Il futuro è lo spin.

Convinta del potenziale di Nadal e ritenendo che lo spin avrebbe dominato il gioco, Babolat ha lavorato con Rafa per sviluppare la Aeropro Drive. La racchetta presentava un design aerodinamico per aumentare la velocità della testa della racchetta e la produzione di effetti, moltiplicando il gioco di Rafa, ricco di topspin.

2005: Bonjour, Paris. Je t’aime... ​​

Rafa ha regnato incontrastato durante la stagione delle partite su campo in terra battuta, che per lui si è conclusa con 24 vittore consecutive e il suo primo titolo al Roland-Garros.

2009: Il nero è il nuovo giallo.​

Sempre alla ricerca dell’innovazione, Babolat e Rafa hanno lavorato a una nuova corda per spingere i confini della produzione di spin. Dotata di una forma e di un rivestimento unici, RPM BLAST – la famigerata corda nera – ha aiutato Rafa a portare il suo gioco verso nuove vette.

2010: Più del Re dei campi in terra battuta.​

Conquistando il titolo dello US Open, Rafa ha compiuto il Golden Slam della carriera: vincere tutti e quattro i principali tornei di tennis e una medaglia d’oro olimpica nel tennis singolo. Non male per uno “specialista dei campi in terra battuta”.

2016: L’innovazione non si ferma mai.​

I giocatori moderni hanno continuato a lanciare colpi più intensi e più pesanti. Babolat e Rafa avevano bisogno di una risposta. La Pure Aero ha accettato la sfida, stabilendo ancora una volta il punto di riferimento per spin e potenza. Il suo soprannome ufficioso sui campi di tutto il mondo? “La macchina da spin”.

2020: La 20° vittoria al Grande Slam nel 2020.

Toro? Re? Il più grande di tutti i tempi? Rafa.​

#addsomevamos

Chiudi